Dario Tiribello, come diventare un manager dello spettacolo!

Proficua, divertente - e a tratti commovente - chiacchierata ieri pomeriggio con Dario Tiribello,co-fondatore di "Arcobaleno Tre" (struttura leader nel settore del management artistico e della produzione televisiva), che è stato ospite del dodicesimo incontro di "Intricati Intrecci". "Passione e Produzione - Gli intricati intrecci artistici, tecnici, economici, di professionalità e competenze, nel racconto di chi li vive quotidianamente", era il titolo dell'appuntamento svoltosi presso il Laboratorio Icario del Centro ICT d'Ateneo, che ha visto il relatore aprirsi ai partecipanti e raccontare tutta la sua esperienza di vita che, negli anni, l'ha portato a intraprendere la sua professione nel mondo del management dello spettacolo. «Non dovete mai mollare se volete realizzare i vostri sogni - ha chiosato Tiribello, che ha poi posto egli stesso domande ai presenti per sondare quali fossero le loro aspettative e i loro sogni - perchè è partendo dal basso e cercando di carpire e rubare, letteralmente, i segreti del mestiere a chi lo fa da tempo che si arriverà in alto. Certo, ci vuole anche una buona dose di fortuna e non tutti possono essere numeri uno: se esistono i numeri uno, è perchè esistono tanti numeri quindici e sedici, siate felici di essere anche tra questi perchè sarete comunque realizzati found!».

Prossimo appuntamento, dunque, il 12 maggio con un altro interessantissimo incontro che vedrà come relatore l'Ing. Fulvio Ananasso, Direttore Sezione Studi, Ricerca e Formazione dell'AGCOM: "Il ruolo e le attività AGCOM nel mutevole scenario delle Comunicazioni e New Media" sarà il titolo dell'evento, in programma sempre alle ore 15 presso il Laboratorio Icaro del Centro ICT d'Ateneo. Settimana di riposo, infine, per i laboratori: saranno impeganti solamente gli appartenenti ai gruppi F e G (Personale TA) che recupereranno, martedì 10 maggio alle ore 15:00, il laboratorio relativo a regia, autori e speaker presso gli studi di Unis@und Web Radio siti nell'edificio del Rettorato al piano terra (ex ufficio postale).